Project te-X-tile

April 8, 2019

Scroll down for English version

Stage dopo stage iniziamo a mettere insieme i vari elementi studiati negli scorsi mesi ed è così che ogni filo, colorato o greggio, semplice o ritorto, pettinato o cardato, prende il  posto che gli spetta, dando vita a tessuti pregiati.

 

Tessuti, che verranno realizzati nella fase successiva di lavorazione a telaio, attraverso l’incrocio di fili in trama ed in ordito, caratterizzati da note di colore monotono o da fili di colori diversi.

 

Negli uffici di progettazione tessuti, che ci hanno ospitato per due settimane, abbiamo incontrato la figura del disegnatore tessile, il quale ci ha introdotto nel mondo creativo dell’azienda.

Abbiamo quindi iniziato a seguire lo sviluppo di una collezione, individuandone le diverse fasi in cui si articola. La fase di ricerca, nella quale il disegnatore tessile rivolge uno sguardo al passato, monitora le tendenze e tiene conto della performance dei materiali, per realizzare ad ogni stagione una collezione che segua necessariamente l’identità dell’azienda ma che possa ogni volta sorprendere il cliente per quel tocco di originalità ed innovazione. Il disegnatore diventa così una figura chiave nell’azienda che si posiziona tra  il processo creativo, il processo tecnico-produttivo ed il processo commerciale.

A questa prima fase di ricerca e di coordinazione tra il team dei disegnatori, segue la fase di realizzazione del tessuto. Ad oggi il CAD tessile, supporta questo compito, agevolando il disegnatore, che può facilmente con questo software grafico, provare e riprovare  diverse combinazioni di intrecci dei fili e diverse note di colore.

 

Abbiamo quindi provato anche noi a capire e ad immaginare come prende vita un tessuto, ed armati di lentino e pazienza abbiamo iniziato a prendere dimestichezza con le diverse “armature” che compongono il tessuto, in quella che è definita  la fase di “scampionatura”.

 

Per averci offerto questa esperienza, vorremmo sentitamente ringraziare, AngelicoCerrutiErmenegildo Zegna, Gruppo Drago e Loro Piana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

After we begin to put together the various elements studied in recent months and this is how each thread, colored or raw, simple or twisted, combed or carded, takes its rightful place, giving life to fine fabrics.

 

Fabrics, which will be made in the next phase of loom processing, through the crossing of weft and warp threads, characterized by notes of monotonous color or threads of different colors.

 

In the fabric design offices, which hosted us for two weeks, we met the figure of the textile designer, who introduced us to the creative world of a company in the sector.

We therefore began to follow the development of a collection, identifying the different phases in which it is divided. The research phase, in which the textile designer looks at the past, monitors trends and takes into account the performance of materials, to make every season a collection that necessarily follows the identity of the company but that can surprise the customer every time for that touch of originality and innovation.

Thus, the designer becomes a key figure in the company that is positioned between the creative process, the technical-productive process and the commercial process.

 

This first phase of research and coordination between the design team is followed by the fabric construction phase. Today textile CAD supports this task, making it easier for the designers, who with the support of this graphic software can easily try different combinations of thread weaving and different color notes.

 

We also tried to understand and imagine how a fabric comes to life, and armed with loupe and patience we started to become familiar with the different "armor" that make up the fabric, in what is called the "scampionatura" phase.

 

 

 

Please reload

Fondazione Biella Master

delle Fibre Nobili

© 1986 Fondazione Biella Master delle Fibre Nobili

  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon