Tintoria, un po' di colore e via

March 15, 2018

                                                                                                                Scroll down for the English version

 

La scorsa settimana, attraverso l’ultimo stage, abbiamo avuto l’occasione di poter imparare molto sull’affascinante mondo dell’arte tintoriale. Una realtà fatta da mille colori e diverse sfumature che si allontana notevolmente dalla precisione matematica dei processi ingegneristici e lascia spazio all’occhio ed al “savoir faire” dei chimici tintori. Abbiamo appreso che non c’è una sola strada per “andare a colore”, che il minimo cambiamento nella ricetta può sconvolgere le cose e che la percezione cromatica è soggettiva.  Sono diverse le metodologie di tintura, i macchinari ed i coloranti utilizzati, ogni combinazione è adatta per una fibra in particolare e finalizzata ad un risultato determinato.  Abbiamo avuto prova di quanto sia complesso considerare tutte le variabili di questo processo e raggiungere il risultato desiderato sul tessuto.  Ringraziamo e salutiamo i professionisti che ci hanno seguito in questi giorni e ci complimentiamo  con Botto Giuseppe, Lanificio Ermenegildo Zegna e Tintoria Ferraris per l’organizzazione e la qualità nel lavorare che ci ha permesso di comprendere questa parte della nobilitazione tessile.

 

 

 

Last week, thanks to our last internship, we had the opportunity to learn a lot about the fascinating world of dyeing. A process involving a thousand colours and shades which is not charaterized by mathematical precision but in which the know-how of the chemists is important. We learnt that there are many ways to “obtain the right colour”, the smallest change in the recipe
could change everything and the chromatic perception is subjective. There are different kinds of dyeing, machines and dyes, every combination of them is appropriate for a specif fiber and aimed at a particular result. We saw how complicated it is to consider every variable and to achieve the desired result on the fabric.
Many thanks to the professionals who looked after us during these days and we congratulate Botto Giuseppe, Lanificio Ermenegildo Zegna and Tintoria Ferraris on their organization and the quality of work that gave us the chance to understand this interesting aspect of textile finishing.

Please reload

Fondazione Biella Master

delle Fibre Nobili

  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon

© 1986 Fondazione Biella Master delle Fibre Nobili