54° Edizione Filo: Biella Master presente!




La XXX edizione del Master delle Fibre Nobili ha offerto la possibilità ai suoi frequentanti di ricevere l’invito partecipativo alla 54a Edizione di Filo dal 7-8 ottobre 2020 presso MiCo , Milano Convention Centre in via Gattamelata .

Questo Salone Internazionale di filati e di fibre per la tessitura ortogonale e a maglia, rappresenta la possibilità di mettere in contatto diretto fornitori e clienti e di rendere il settore tessile centrale rispetto all’intera economia italiana; è inoltre trainante anche per la formazione futura dei ragazzi che ancora si trovano impegnati in un percorso formativo.

L’attenzione al tema della sostenibilità è un impegno costante esplicitato soprattutto attraverso il progetto Filo Flow, per permettere agli espositori di mettere in evidenza le azioni da loro intraprese per rendere sempre più visibile la loro adesione ai codici etici e per promuovere processi di produzione e prodotti sostenibili.

Importante novità è una nuova sezione interamente dedicata ai servizi alle aziende, denominata appunto “Area servizi e accessori alle imprese”. Le aziende – sia espositrici sia visitatrici – possono trovare soluzioni concrete ed efficaci per tutte quelle attività che accompagnano e promuovono la produzione tessile: dalla creazione di siti web alla stampa di materiale pubblicitario, dai macchinari speciali ai materiali da imballo, dalle etichette alla passamaneria.

Due visite di eccezione hanno salutato la prima giornata della 54a edizione di Filo: il Salone dei filati è stato infatti visitato da Elena Chiorino, assessore alla Formazione, istruzione e lavoro della Regione Piemonte e da Massimo Giletti, il noto giornalista, conduttore e autore televisivo.

Nel corso della visita agli stand l’assessore Chiorino ha dichiarato: “Filo è una fiera estremamente interessante, con prodotti che mostrano il savoir-faire di aziende che puntano sulla qualità e sulla sostenibilità. Mi fa molto piacere perciò riscontrare che il nucleo storico degli espositori sia piemontese. Con le aziende che espongono a Filo condividiamo la grande attenzione al tema della sostenibilità: Regione Piemonte sta investendo importanti risorse sulla sostenibilità, nella convinzione che una evoluzione industriale sia necessaria per confermare la competitività delle nostre produzioni, in ogni settore. Fondamentale in questo contesto che si definisca in primo luogo una politica industriale, sulla base della quale si dovranno poi decidere gli investimenti in innovazione e formazione: in particolare nell’istruzione tecnica, per garantire alle imprese le competenze necessarie al loro sviluppo.

Massimo Giletti ha visitato Filo in una veste particolare: l’azienda della sua famiglia – la Giletti spa – è infatti uno delle aziende espositrici della 54a edizione di Filo. L’opinione di Giletti è dunque particolarmente interessante perché unisce lo sguardo giornalistico a una conoscenza diretta del settore. “Trovo Filo una fiera particolarmente stimolante – ha dichiarato Giletti – perché rappresenta l’Italia che non vive nel Sussidi stan. È l’Italia che non molla, che non ha delocalizzato e che oggi vuole la ripresa. A Filo espongono infatti piccole e medie aziende, l’ossatura del sistema produttivo italiano, con imprenditori che si impegnano in prima persona, sotto il profilo lavorativo e finanziario. È un’imprenditorialità “sana” che lo Stato deve aiutare con una progettualità mirata”.

Le impressioni che abbiamo avuto fin dalle prime ore, nonostante un’affluenza limitata rispetto agli anni passati, è stata quella di grande professionalità sia da parte degli espositori sia degli acquirenti. Durante le visite che abbiamo avuto modo di fare all’interno delle filature biellesi, non ci siamo resi conto dell’importanza che un semplice filo ha nel processo di vendita; è in questa sede che gli acquirenti scelgono, tra le tante proposte, i fili che diventeranno poi pezze di tessuto e prodotti finiti e che troveremo poi in negozio. In prima persona, ognuno all’interno del proprio stand di competenza, ha presentato il prodotto più innovativo, ne ha descritto le caratteristiche e peculiarità.

La rappresentanza biellese e il nostro corso di formazione sono stati presenti con i suoi numerosi espositori; noi masterini siamo stati accolti dal cotonificio Albini, Tintoria&Finissaggio Ferraris, Finissaggio Iride, Filatura Luisa e Tintoria Mancini; a tal proposito porgiamo loro un grazie sincero, di averci resi partecipi, nonostante la difficile situazione che il nostro paese sta attraversando, “dell’Italia che non molla”.

Fondazione Biella Master

delle Fibre Nobili

  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon

© 1986 Fondazione Biella Master delle Fibre Nobili